Non accettare chiavette USB dagli sconosciuti !

Il funzionamento delle chiavette USB , tanto diffuse , permette che venga avviato in automatico il software su di esse installato (autorun) .
Leggete cosa è accaduto in una banca dove una società di consulenza informatica , la Secure Network Technologies , ha sperimentato questa tecnica per vedere se era possibile accedere al sistema informatico della banca :
La banca in questo periodo stava regalando , a scopo pubblicitario , le chiavette USB.
Gli incaricati di Secure Network Technologies hanno raccolto una ventina di chiavette USB, di quelle che circolavano in azienda come gadget, e vi hanno installato un software-spia, tecnicamente un trojan horse, per raccogliere login name, password, identificazioni hardware, e qualunque altra informazione sulla macchina in cui sono inserite, e spedirle via mail a un indirizzo predeterminato.

L'ostacolo maggiore era far finire queste chiavette nelle mani degli operatori della banca. Sono state seminate nei luoghi più frequentati, tipo accanto alla macchina del caffè o alla fotocopiatrice. Attraverso le telecamere interne, si sono controllati gli impiegati che raccoglievano l'oggetto, lo lasciavano distrattamente scivolare in tasca, e appena giunti in ufficio, lo inserivano nel PC per cogliere le "preziose informazioni" in esso contenute.

I dati riservati di questo istituto hanno cominciato da subito ad affluire nella mail dell'autore del trojan. Risultati: delle venti chiavette seminate, quindici sono state raccolte, e tutte sono state inserite nei PC aziendali, dei cui dati riservati hanno fatto man bassa.

La parte migliore dell'intero progetto è stata la sua convenienza. Poche righe di codice per fare il trojan, venti chiavette usate, e il gioco è fatto. Raramente un attacco informatico raggiunge questo tipo di successo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Facebook Twitter RSS