P2P : scaricare file non è più reato penale

Non mancherà di sollevare clamore la sentenza del Tribunale di Roma secondo cui il peer to peer non è reato. Il Pm ha fatto richiesta di archiviazione nell'inchiesta sullo scambio online di file audio e video.

Il P2p non equivale a reato, ma i diritti d'autore evasi rientrano invece nella procedura civile.

L'indagine era stata svolta contro ignoti, a partire dall'attività di tre siti: www.bearshare.com, www.emuleitalia.net, www.bittorrent.com.

Il gip del tribunale di Roma, Carla Santese, si è limitato ad accogliere la richiesta del pm e chiuso il caso perché mancherebbe un sistema normativo ad hoc contro il P2p (art. 14 della legge 248/2000). Lo scambio avviene tra utenti finali, senza una vera intermediazione, quindi i siti non commettono reato.

La Fimi (Federazione dell'industria musicale italiana) risponde: "Il Gip si è semplicemente riferito a singoli siti che offrono informazioni relative a programmi per fare p2p e non all'attività di singoli utenti che invece resta reato".

fonte : VNUnet.it

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Facebook Twitter RSS