Come velocizzare Windows 7 con una chiavetta USB

Il computer, quando avvia Windows, non utilizza solo la memoria RAM per caricarlo: sfrutta infatti dello spazio libero del disco fisso che considera come "memoria virtuale", dove poter scrivere dei dati aggiuntivi.
Tuttavia, la velocità con la quale i dati vengono scritti sul disco fisso è infinitamente inferiore rispetto a quella della memoria RAM, e questo si rivela in molti casi come un "collo di bottiglia", cioè un limite fisico all'ottimizzazione delle prestazioni. A partire da Windows Vista , la Microsoft ha implementato una tecnologia sperimentale che permette di utilizzare le chiavette USB come memoria RAM aggiuntiva.

La tecnologia innovativa è detta ReadyBoost e pone rimedio a questa situazione. La velocità di accesso ai dati nella memoria gestita da ReadyBoost è quasi dieci volte quella di accesso ai dati nella memoria virtuale del disco fisso! Le prestazioni sono così convincenti che lo schema di funzionamento di ReadyBoost prevede che Windows 7 sfrutti dapprima tutta la memoria RAM a disposizione, quindi verifichi la presenza di memoria ReadyBoost e nel caso la utilizzi; e solo alla fine viene chiamata in causa la memoria virtuale del disco fisso, che viene vista un po' come "ultima spiaggia" nella gestione delle applicazioni.
Per attivare la gestione ReadyBoost su una chiavetta USB scegliere la relativa voce quando parte l' AutoPlay :


I risultati migliori si ottengono utilizzando in ReadyBoost una quantità che va da una a tre volte quella della RAM del sistema.
Link : Microsoft 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Facebook Twitter RSS